Tu sei qui

Biblioteche speciali della Lombardia

Lo scambio dell’informazione è una delle principali fonti della conoscenza ed è ormai divenuto una risorsa strategica per lo sviluppo della nostra società. È quindi inevitabile che le biblioteche, i professionisti che vi operano e le discipline connesse alla loro attività debbano raggiungere una qualificazione più scientifica.

In virtù del progresso informatico che ha caratterizzato in questi ultimi anni anche l’automazione nelle biblioteche, alla BEIC è affidato il compito di esercitare una funzione di interattività con gli altri centri del sapere, veicolando con collegamenti in rete le richieste culturali dei cittadini che andranno soddisfatte con offerte che non devono essere limitate al patrimonio posseduto.

È tramite le biblioteche specializzate - che conservano saperi umanistici e tecnico-scientifici offerti all’utente come fonte di conoscenza preziosa e, sovente, unica - che si potrà in particolar modo accedere a una consistente quantità di documenti e questo costituirà un valore aggiunto per la BEIC. Da queste considerazioni è maturata la decisione di svolgere un’accurata analisi sulle biblioteche specializzate lombarde, condotta per conto della Fondazione BEIC da Marina Bonomelli.